Slider

Informativa sulla privacy

INFORMATIVA EX ART. 13 D.LGS N. 196/2003

Egregio Utente,

la Privacy Policy di seguito illustrata è stata sviluppata dalla Brevetti Stendalto S.P.A. (in seguito anche solo “Titolare”) per rendere noto ai fruitori del presente Sito/Dominio/Applicazioni/Canali web della Brevetti Stendalto in quale modo i dati personali vengono utilizzati e come ne siano garantite la riservatezza e la sicurezza.

Ciò avviene in conformità ai disposti dell'art. 13 del D.Lgs. n. 196/2003, il quale viene di seguito riportato per comodità di lettura:

1. L'interessato o la persona presso la quale sono raccolti i dati personali sono previamente informati oralmente o per iscritto circa:

  1. a) le finalità e le modalità del trattamento cui sono destinati i dati;
  2. b) la natura obbligatoria o facoltativa del conferimento dei dati;
  3. c) le conseguenze di un eventuale rifiuto di rispondere;
  4. d) i soggetti o le categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di responsabili o incaricati, e l'ambito di diffusione dei dati medesimi;
  5. e) i diritti di cui all'articolo 7;
  6. f) gli estremi identificativi del titolare e, se designati, del rappresentante nel territorio dello Stato ai sensi dell'articolo 5 e del responsabile. Quando il titolare ha designato più responsabili è indicato almeno uno di essi, indicando il sito della rete di comunicazione o le modalità attraverso le quali è conoscibile in modo agevole l'elenco aggiornato dei responsabili. Quando è stato designato un responsabile per il riscontro all'interessato in caso di esercizio dei diritti di cui all'articolo 7, è indicato tale responsabile.
  7. L'informativa di cui al comma 1 contiene anche gli elementi previsti da specifiche disposizioni del presente codice e può non comprendere gli elementi già noti alla persona che fornisce i dati o la cui conoscenza può ostacolare in concreto l'espletamento, da parte di un soggetto pubblico, di funzioni ispettive o di controllo svolte per finalità di difesa o sicurezza dello Stato oppure di prevenzione, accertamento o repressione di reati.
  8. Il Garante può individuare con proprio provvedimento modalità semplificate per l'informativa fornita in particolare da servizi telefonici di assistenza e informazione al pubblico.
  9. Se i dati personali non sono raccolti presso l'interessato, l'informativa di cui al comma 1, comprensiva delle categorie di dati trattati, è data al medesimo interessato all'atto della registrazione dei dati o, quando è prevista la loro comunicazione, non oltre la prima comunicazione.
  10. La disposizione di cui al comma 4 non si applica quando:
  11. a) i dati sono trattati in base ad un obbligo previsto dalla legge, da un regolamento o dalla normativa comunitaria;
  12. b) i dati sono trattati ai fini dello svolgimento delle investigazioni difensive di cui alla legge 7 dicembre 2000, n. 397, o, comunque, per far valere o difendere un diritto in sede giudiziaria, sempre che i dati siano trattati esclusivamente per tali finalità e per il periodo strettamente necessario al loro perseguimento;
  13. c) l'informativa all'interessato comporta un impiego di mezzi che il Garante, prescrivendo eventuali misure appropriate, dichiari manifestamente sproporzionati rispetto al diritto tutelato, ovvero si riveli, a giudizio del Garante, impossibile.

5-bis. L'informativa di cui al comma 1 non è dovuta in caso di ricezione di curricula spontaneamente trasmessi dagli interessati ai fini dell'eventuale instaurazione di un rapporto di lavoro. Al momento del primo contatto successivo all'invio del curriculum, il titolare è tenuto a fornire all'interessato, anche oralmente, una informativa breve contenente almeno gli elementi di cui al comma 1, lettere a), d) ed f). (1) “.

Secondo la suindicata normativa, il trattamento dei Suoi dati personali sarà pertanto improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza, nonché alla tutela della Sua riservatezza e dei Suoi diritti.

Fermo restando il diritto di modificare la nostra Privacy Policy, ogni aggiornamento della quale verrà pubblicato sul sito, nonché aggiornando la data indicata nell’ultimo paragrafo della Policy stessa, precisiamo quanto segue.

  1. FONTE DEI DATI PERSONALI (ART. 7 COMMA 2, LETT. A D.LGS 196/2003)

I dati personali in possesso di cui la Brevetti Stendalto entrerà in possesso sono forniti, anche attraverso le tecniche di comunicazione a distanza di cui la stessa si avvale (quali il sito internet, DEM, newsletter, Facebook, Instagram, LinkedIn, Twitter, etc...), direttamente dal soggetto cui i dati personali si riferiscono. Tali dati personali possono inoltre essere acquisiti dalla Brevetti Stendalto nell’esercizio commerciale della propria attività o da soggetti terzi per fini di informazione commerciale, ricerche di mercato, offerte dirette di prodotti o servizi. In quest’ultimo caso, la Brevetti Stendalto avrà cura di rendere ai soggetti titolari dei dati le informazioni di cui in premessa all’atto della registrazione dei dati che li riguardino.

  1. FINALITA' DEL TRATTAMENTO (ART. 7 COMMA 2, LETT. B) D.LGS 196/2003

I dati personali sono trattati nell’ambito della normale attività d’impresa della Brevetti Stendalto, per le seguenti finalità:

  1. Permettere all’Utente di registrarsi al sito
  2. Permettere all’Utente l’tilizzo degli strumenti offerti nel sito.
  3. Permettere all’Utente di registrarsi alla newsletter di Brevetti Stendalto e/o eventuali altri specifici servizi.
  4. Procedere alla richiesta di contatto tramite equivalente alla richiesta di preventivo.
  5. Procedere ad attività precontrattuali, contrattuali e fiscali previste dai rapporti con Brevetti Stendalto.
  6. Esecuzione di obblighi derivanti da contratti stipulati con la Brevetti Stendalto e/o adempimento, prima della conclusione del contratto, di specifiche richieste del titolare dei dati;adempimento di obblighi previsti dalla legge, da regolamenti o dalla normativa comunitaria.

In merito alle finalità di cui ai punti a) e b), La informiamo che il trattamento dei Suoi dati personali da parte della Brevetti Stendalto, ivi inclusa la comunicazione dei dati medesimi ai soggetti di cui al successivo paragrafo 4, non necessita del Suo consenso in quanto trattamento necessario per l’esecuzione di obblighi derivanti dal contratto stesso e/o per l’esecuzione di prestazioni da Lei richieste nonché per ottemperare ad obblighi di legge.

La comunicazione dei dati relativi ai punti a) e b) è pertanto necessaria alla Brevetti Stendalto per elaborare la richiesta dell’Utente e per soddisfare i relativi e connessi adempimenti di legge, amministrativi, contabili e fiscali. In loro mancanza, sarà impossibile instaurare e/o dar corso al rapporto. Tali dati sono da intendersi quindi obbligatori.

  1. c) attività funzionali ai processi marketing aziendali, effettuate mediante lettera, telefono, SMS, internet, materiale pubblicitario, sistemi automatizzati di comunicazione, newsletter, attività di profilazione finalizzata anche a successive campagne pubblicitarie personalizzate etc., in relazione ai quali l’Interessato ha facoltà di manifestare o meno il proprio consenso.

In particolare l’Azienda potrà svolgere attività di:

- ricerche di mercato volte a rilevare il grado di soddisfazione dell’Interessato sulla qualità dei servizi resi e sull’attività svolta dall’Azienda, eseguite direttamente oppure tramite società specializzate;

- informazione commerciale, offerte di prodotti/servizi dell’Azienda e delle altre società del gruppo di cui è parte, invio di proprie newsletter, eseguite direttamente oppure tramite società specializzate;

- informazione commerciale ed offerte di prodotti/servizi di società terze effettuata direttamente dall’Azienda;

Per quanto concerne invece la finalità sub c), ciascun Interessato ha diritto di rifiutare all’Azienda, in qualsiasi momento, il proprio consenso al trattamento e/o alla comunicazione ai soggetti di cui al successivo paragrafo 4, senza che questo comporti conseguenze pregiudizievoli nel rapporto contrattuale. Tali dati hanno quindi natura facoltativa.

  1. MODALITÀ DI TRATTAMENTO DEI DATI (ART. 7 COMMA 2, LETT. B D.LGS 196/2003)

In relazione alle finalità descritte nel precedente paragrafo, il trattamento dei dati personali avviene mediante strumenti manuali, informatici e telematici con logiche strettamente correlate alle finalità sopra evidenziate e, comunque, in modo da garantire la sicurezza e la riservatezza dei dati stessi (con particolare riguardo al caso di utilizzo di tecniche di comunicazione telematiche).

In particolare i dati personali oggetto di trattamento sono:

  1. a) trattati in modo lecito e secondo correttezza;
  2. b) raccolti e registrati per scopi determinati, espliciti e legittimi, ed utilizzati in altre operazioni del trattamento in termini compatibili con tali scopi;
  3. c) esatti e, se necessario, aggiornati;
  4. d) pertinenti, completi e non eccedenti rispetto alle finalità per le quali sono raccolti o successivamente trattati;
  5. e) conservati in una forma che consenta l'identificazione dell'interessato per un periodo di tempo non superiore a quello necessario agli scopi per i quali essi sono stati raccolti o successivamente trattati.

La Brevetti Stendalto non è responsabile e non si assume alcuna responsabilità circa le informazioni non veritiere inviate direttamente dall’Utente, nonché informazioni che lo riguardano e che sono state fornite da un soggetto terzo, finanche fraudolentemente.

  1. CATEGORIE DI SOGGETTI AI QUALI I DATI POSSONO ESSERE COMUNICATI O CHE POSSONO VENIRNE A CONOSCENZA IN QUALITÀ DI RESPONSABILI O INCARICATI (ART. 7 COMMA 2, LETT. E D.LGS 196/2003)

Per il perseguimento delle finalità descritte al paragrafo 2, la Brevetti Stendalto potrebbe dover concedere accesso ai Suoi dati personali a soggetti terzi, che svolgano:

- servizi di consulenza in ambito commercialistico e fiscale, banche, finanziarie ed assicurativi (solo se necessario allo svolgimento del contratto);

- adempimenti di controllo, revisione e certificazione delle attività poste in essere dall’Azienda anche nell’interesse della clientela;

- servizi di acquisizione, lavorazione ed elaborazione dati necessari per l’esecuzione delle disposizioni ricevute dalla clientela;

- servizi per la gestione e la manutenzione del sistema informativo dell’Azienda e delle reti di telecomunicazioni (ivi compresa la posta elettronica);

  • attività di trasmissione, imbustamento, trasporto e smistamento delle comunicazioni con l’Utente.

L’accesso ai dati potrebbe altresì dover essere concesso a soggetti terzi che rappresentino autorità e organi di vigilanza e controllo, o che effettuino:

- attività di archiviazione della documentazione e data entry;

- attività di assistenza alla clientela (es.: call center, help desk, etc.);

- studi o società nell’ambito di rapporti di assistenza e consulenza;

- ricerche di mercato volte a rilevare il grado di soddisfazione della clientela sulla qualità dei servizi e sull’attività svolta dall’Azienda;

  • attività di promozione e vendita di prodotti/servizi della Brevetti Stendalto.

I soggetti appartenenti alle categorie sopra riportate operano in totale autonomia come distinti Titolari del trattamento o in qualità di Responsabile o Incaricato all’uopo nominato dall’Azienda, il cui elenco costantemente aggiornato è disponibile presso l’Azienda stessa.

I dati personali raccolti potranno inoltre essere conosciuti dai dipendenti dell’Azienda, i quali sono stati appositamente nominati Responsabili o Incaricati del trattamento.

I dati trattati non sono oggetto di diffusione.

  1. TITOLARE DEL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI (ART. 28 e ART. 7 COMMA 2, LETT. D LGS 196/2003)

Il titolare del trattamento dei dati personali raccolti tramite codesto sito è la Brevetti Stendalto S.P.A. (C.F. – P.IVA 00841980964), con sede legale Monza (MB), -20900-, alla Via G.B. Stucchi n. 66/8, società di diritto italiano, capitale sociale Euro 2.600.640,00 i.v., numero di iscrizione presso il Registro delle Imprese di Milano 1130921 (di seguito, “Brevetti Stendalto”).

  1. RESPONSABILI DEL TRATTAMENTO (ART. 29 e ART. 7 COMMA 2, LETT. D D.LGS 196/2003)

L’accesso e l’utilizzo dei dati personali sono consentiti esclusivamente a soggetti espressamente incaricati, vincolati a profili di autorizzazione secondo i quali ciascun soggetto incaricato è autorizzato a svolgere esclusivamente le operazioni di trattamento di propria specifica competenza.

Il/i nominativo/i del/i responsabile/i del trattamento è conservato presso gli uffici della Brevetti Stendalto e potrà essere richiesto dall'Interessato mediante semplice comunicazione da trasmettersi alla sede sociale.

  1. DIRITTI DELL'INTERESSATO (ART. 7 COMMA 2 E 3 D.LGS 196/2003)

La normativa in materia di protezione dei dati personali conferisce ai titolati degli stessi la possibilità di esercitare specifici diritti. In particolare, l’Utente può ottenere:

  1. conferma dell’esistenza o meno di dati che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile;
  2. informazioni circa l’origine dei dati personali, le finalità e le modalità del trattamento nonché la logica applicata in caso di trattamento effettuato con l’ausilio di strumenti elettronici;
  3. indicazione degli estremi identificativi del Titolare e del Responsabile, nonché dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza;
  4. la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, nonché l’aggiornamento, la rettificazione o, quando vi ha interesse, l’integrazione dei dati. L’Utente può altresì opporsi, per motivi legittimi, al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorché pertinenti allo scopo della raccolta. Può inoltre opporsi al trattamento di dati personali ai fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.
  1. SICUREZZA DEI DATI PERSONALI DELL'UTENTE (ART. 31 D.LGS 196/2003)

La Brevetti Stendalto dichiara che i dati raccolti sono trattati in modo lecito e secondo correttezza. I dati sono raccolti e registrati per gli scopi indicati, ed utilizzati in altre operazioni che siano compatibili con tali scopi. La Brevetti Stendalto si impegna ad adottare le idonee e preventive misure di sicurezza atte a salvaguardare la riservatezza, l’integrità, la completezza e la disponibilità dei dati personali dell’Utente.

  1. INCARICATO DEL TRATTAMENTO (ART. 30 D.LGS 196/2003)

Le operazioni di trattamento dei dati raccolti dalla Brevetti Stendalto possono essere effettuate solo da incaricati che operano sotto la diretta autorità del titolare o del responsabile indicati negli articoli che precedono, attenendosi alle istruzioni da essi impartite. La designazione dell’incaricato è effettuata per iscritto e individua puntualmente l'ambito del trattamento consentito. Si considera tale anche la documentata preposizione della persona fisica ad una unità per la quale è individuato, per iscritto, l'ambito del trattamento consentito agli addetti all'unità medesima.

  1. ESERCIZIO DEI DIRITTI (ART. 8 D.LGS 196/2003)

Ai sensi dell’articolo 8 del d.lgs. n. 196/2003, i diritti di cui agli articoli precedenti sono esercitati con richiesta rivolta al titolare, al responsabile o all’incaricato designati dalla Brevetti Stendalto, ai quali è fornito idoneo riscontro senza ritardo.

I sopraccitati diritti non possono essere esercitati con richiesta al titolare o al responsabile o con ricorso ai sensi dell’articolo 145, se i trattamenti sono effettuati:

  1. a) in base alle disposizioni del decreto legge 3 maggio 1991, n. 143, convertito, con modificazioni, dalla legge 5luglio 1991, n. 197, e successive modificazioni, in materia di riciclaggio;
  2. b) in base alle disposizioni del decreto legge 31 dicembre 1991, n. 419, convertito, con modificazioni, dalla legge 18febbraio 1992, n. 172, e successive modificazioni, in materia di sostegno alle vittime di richieste estorsive;
  3. c) da Commissioni parlamentari d'inchiesta istituite ai sensi dell'articolo 82 della Costituzione;
  4. d) da un soggetto pubblico, diverso dagli enti pubblici economici, in base ad espressa disposizione di legge, per esclusive finalità inerenti alla politica monetaria e valutaria, al sistema dei pagamenti, al controllo degli intermediari e dei mercati creditizi e finanziari, nonché alla tutela della loro stabilità;
  5. e) ai sensi dell'articolo 24, comma 1, lettera f) d.lgs. n. 196/2003 (investigazioni difensive), limitatamente al periodo durante il quale potrebbe derivarne un pregiudizio effettivo e concreto per lo svolgimento delle investigazioni difensive o per l'esercizio del diritto in sede giudiziaria;
  6. f) da fornitori di servizi di comunicazione elettronica accessibili al pubblico relativamente a comunicazioni telefoniche in entrata, salvo che possa derivarne un pregiudizio effettivo e concreto per lo svolgimento delle investigazioni difensive di cui alla legge 7 dicembre 2000, n. 397;
  7. g) per ragioni di giustizia, presso uffici giudiziari di ogni ordine e grado o il Consiglio superiore della magistratura o altri organi di autogoverno o il Ministero della giustizia;
  8. h) ai sensi dell'articolo 53, fermo restando quanto previsto dalla legge 1° aprile 1981, n. 121.

Il Garante, anche su segnalazione dell'interessato, nei casi di cui alle lettere a), b), d), e) ed f), provvede nei modi di cui agli articoli 157,158 e 159 e, nei casi di cui alle lettere c), g) ed h) del medesimo comma, provvede nei modi di cui all'articolo 160 d.lgs. n. 196/2003.

L'esercizio dei diritti dell’interessato, quando non riguarda dati di carattere oggettivo, può avere luogo salvo che concerna la rettificazione o l'integrazione di dati personali di tipo valutativo, relativi a giudizi, opinioni o ad altri apprezzamenti di tipo soggettivo, nonché l'indicazione di condotte da tenersi o di decisioni in via di assunzione da parte del titolare del trattamento.

  1. RISCONTRO ALL’INTERESSATO (ART. 10 D.LGS 196/2003)

Per garantire l'effettivo esercizio dei diritti dell’interessato, il titolare del trattamento è tenuto ad adottare idonee misure volte, in particolare:

  1. a) ad agevolare l'accesso ai dati personali da parte dell'interessato, anche attraverso l'impiego di appositi programmi per elaboratore finalizzati ad un'accurata selezione dei dati che riguardano singoli interessati identificati o identificabili;
  2. b) a semplificare le modalità e a ridurre i tempi per il riscontro al richiedente, anche nell'ambito di uffici o servizi preposti alle relazioni con il pubblico.

I dati sono estratti a cura del responsabile o degli incaricati e possono essere comunicati al richiedente anche oralmente, ovvero offerti in visione mediante strumenti elettronici, sempre che in tali casi la comprensione dei dati sia agevole, considerata anche la qualità e la quantità delle informazioni. Qualora venisse fatta richiesta, i dati potranno essere trasposti su supporto cartaceo o informatico, ovvero trasmessi per via telematica.

Salvo che la richiesta sia riferita ad un particolare trattamento o a specifici dati personali o categorie di dati personali, il riscontro all'interessato comprende tutti i dati personali che riguardano l'interessato comunque trattati dal titolare.

Quando, a seguito della richiesta di cui all'articolo 7, commi 1 e 2, lettere a), b) e c) non risulta confermata l'esistenza di dati che riguardano l'interessato, può essere chiesto un contributo spese non eccedente i costi effettivamente sopportati per la ricerca effettuata nel caso specifico.

Tale contributo non può comunque superare l'importo determinato dal Garante con provvedimento di carattere generale, che può individuarlo forfettariamente in relazione al caso in cui i dati sono trattati con strumenti elettronici e la risposta è fornita oralmente. Con il medesimo provvedimento il Garante può prevedere che il contributo possa essere chiesto quando i dati personali figurano su uno speciale supporto del quale è richiesta specificamente la riproduzione, oppure quando, presso uno o più titolari, si determina un notevole impiego di mezzi in relazione alla complessità o all'entità delle richieste ed è confermata l'esistenza di dati che riguardano l'interessato.

Il predetto contributo è corrisposto anche mediante versamento postale o bancario, ovvero mediante carta di pagamento o di credito, ove possibile all'atto della ricezione del riscontro e comunque non oltre quindici giorni da tale riscontro.

  1. CESSAZIONE DEL TRATTAMENTO (ART. 16 D.LGS 196/2003)

Ai sensi dell’articolo 16 del d.lgs. n. 196/2003, in caso di cessazione (per qualsiasi causa) di un trattamento, i dati sono:

  1. a) distrutti;
  2. b) ceduti ad altro titolare, purché destinati ad un trattamento in termini compatibili agli scopi per i quali i dati sono raccolti;
  3. c) conservati per fini esclusivamente personali e non destinati ad una comunicazione sistematica o alla diffusione;
  4. d) conservati o ceduti ad altro titolare, per scopi storici, statistici o scientifici, in conformità alla legge, ai regolamenti, alla normativa comunitaria e ai codici di deontologia e di buona condotta sottoscritti ai sensi dell'articolo 12 d.lgs n. 196/2003.

Si specifica altresì che la cessione dei dati in violazione di quanto previsto dal comma 1, lettera b), o di altre disposizioni rilevanti in materia di trattamento dei dati personali è priva di effetti.

  1. CONSENSO (ART. 23 D.LGS 196/2003)

Il trattamento di dati personali da parte di privati (o di enti pubblici economici) è ammesso solo con il consenso espresso dell'interessato. Detto consenso può riguardare l'intero trattamento ovvero una o più operazioni dello stesso, ed è validamente prestato solo se è espresso liberamente e specificamente in riferimento ad un trattamento chiaramente individuato, se è documentato per iscritto, e se sono state rese all'interessato le informazioni di cui all'articolo 13 d.lgs n. 196/2003 (informativa sulla Privacy).

Il consenso è manifestato in forma scritta quando il trattamento riguarda i dati sensibili di cui all’art. 13 del presente documento di Privacy Policy.

Usando ed accedendo al Sito/Dominio/Applicazioni/Canali web della Brevetti Stendalto, l'Utente/Interessato acconsente alla raccolta, l’utilizzo e la comunicazione dei suoi dati personali da parte della Società, in conformità alla presente Informativa Privacy.

  1. CASI NEI QUALI PUÒ ESSERE EFFETTUATO IL TRATTAMENTO SENZA CONSENSO (ART. 24 D.LGS 196/2003)

Oltre a quanto sopra specificato, il consenso dell’Utente non è richiesto quando il trattamento:

  1. a) è necessario per adempiere ad un obbligo previsto dalla legge, da un regolamento o dalla normativa comunitaria;
  2. b) è necessario per eseguire obblighi derivanti da un contratto del quale è parte l'interessato o per adempiere, prima della conclusione del contratto, a specifiche richieste dell'interessato;
  3. c) riguarda dati provenienti da pubblici registri, elenchi, atti o documenti conoscibili da chiunque, fermi restando i limiti e le modalità che le leggi, i regolamenti o la normativa comunitaria stabiliscono per la conoscibilità e pubblicità dei dati;
  4. d) riguarda dati relativi allo svolgimento di attività economiche, trattati nel rispetto della vigente normativa in materia di segreto aziendale e industriale;
  5. e) è necessario per la salvaguardia della vita o dell'incolumità fisica di un terzo. Se la medesima finalità riguarda l'interessato e quest'ultimo non può prestare il proprio consenso per impossibilità fisica, per incapacità di agire o per incapacità di intendere o di volere, il consenso è manifestato da chi esercita legalmente la potestà, ovvero da un prossimo congiunto, da un familiare, da un convivente o, in loro assenza, dal responsabile della struttura presso cui dimora l'interessato. Si applica la disposizione di cui all'articolo 82, comma 2;
  6. f) con esclusione della diffusione, è necessario ai fini dello svolgimento delle investigazioni difensive di cui alla legge 7 dicembre 2000, n. 397 o, comunque, per far valere o difendere un diritto in sede giudiziaria, sempre che i dati siano trattati esclusivamente per tali finalità e per il periodo strettamente necessario al loro perseguimento, nel rispetto della vigente normativa in materia di segreto aziendale e industriale;
  7. g) con esclusione della diffusione, è necessario, nei casi individuati dal Garante sulla base dei principi sanciti dalla legge, per perseguire un legittimo interesse del titolare o di un terzo destinatario dei dati, [anche in riferimento all'attività di gruppi bancari e di società controllate o collegate,] qualora non prevalgano i diritti e le libertà fondamentali, la dignità o un legittimo interesse dell'interessato;
  8. h) con esclusione della comunicazione all'esterno e della diffusione, è effettuato da associazioni, enti od organismi senza scopo di lucro, anche non riconosciuti, in riferimento a soggetti che hanno con essi contatti regolari o ad aderenti, per il perseguimento di scopi determinati e legittimi individuati dall'atto costitutivo, dallo statuto o dal contratto collettivo, e con modalità di utilizzo previste espressamente con determinazione resa nota agli interessati all'atto dell'informativa ai sensi dell'articolo 13;
  9. i) è necessario, in conformità ai rispettivi codici di deontologia di cui all'allegato A), per esclusivi scopi scientifici o statistici, ovvero per esclusivi scopi storici presso archivi privati dichiarati di notevole interesse storico ai sensi dell'articolo 6, comma 2, del decreto legislativo 29 ottobre 1999, n. 490, di approvazione del testo unico in materia di beni culturali e ambientali o, secondo quanto previsto dai medesimi codici, presso altri archivi privati;

i-bis) riguarda dati contenuti nei curricula, nei casi di cui all'articolo 13, comma 5-bis; (2)

i-ter) con esclusione della diffusione e fatto salvo quanto previsto dall'articolo 130 del presente codice, riguarda la comunicazione di dati tra società, enti o associazioni con società controllanti, controllate o collegate ai sensi dell'articolo 2359 del codice civile ovvero con società sottoposte a comune controllo, nonché tra consorzi, reti di imprese e raggruppamenti e associazioni temporanei di imprese con i soggetti ad essi aderenti, per le finalità amministrativo contabili, come definite all'articolo 34, comma 1-ter, e purché queste finalità siano previste espressamente con determinazione resa nota agli interessati all'atto dell'informativa di cui all'articolo 13.

  1. DIVIETI DI COMUNICAZIONE E DIFFUSIONE (ART. 25 D.LGS 196/2003)

La comunicazione e la diffusione sono vietate, oltre che in caso di divieto disposto dal Garante o dall'autorità giudiziaria:

  1. a) in riferimento a dati personali dei quali è stata ordinata la cancellazione, ovvero quando è decorso il periodo di tempo non superiore a quello necessario agli scopi per i quali essi sono stati raccolti o successivamente trattati;
  2. b) per finalità diverse da quelle indicate nella notificazione del trattamento, ove prescritta.

E' fatta salva la comunicazione o diffusione di dati richieste, in conformità alla legge, da forze di polizia, dall'autorità giudiziaria, da organismi di informazione e sicurezza o da altri soggetti pubblici ai sensi dell'articolo 58, comma 2, per finalità di difesa o di sicurezza dello Stato o di prevenzione, accertamento o repressione di reati.

  1. GARANZIE PER I DATI SENSIBILI (ART. 26 D.LGS 196/2003)

I dati sensibili possono essere oggetto di trattamento solo con il consenso scritto dell'interessato e previa autorizzazione del Garante, nell'osservanza dei presupposti e dei limiti stabiliti dal presente codice, nonché dalla legge e dai regolamenti. II Garante comunica la decisione adottata sulla richiesta di autorizzazione entro quarantacinque giorni, decorsi i quali la mancata pronuncia equivale a rigetto. Con il provvedimento di autorizzazione, ovvero successivamente, anche sulla base di eventuali verifiche, il Garante può prescrivere misure e accorgimenti a garanzia dell'interessato, che il titolare del trattamento è tenuto ad adottare.

L’autorizzazione del Garante ed il consenso dell’interessati non sono necessari in caso:

  1. a) di dati relativi agli aderenti alle confessioni religiose e ai soggetti che con riferimento a finalità di natura esclusivamente religiosa hanno contatti regolari con le medesime confessioni, effettuato dai relativi organi, ovvero da enti civilmente riconosciuti, sempre che i dati non siano diffusi o comunicati fuori delle medesime confessioni. Queste ultime determinano idonee garanzie relativamente ai trattamenti effettuati, nel rispetto dei principi indicati al riguardo con autorizzazione del Garante;
  2. b) di dati riguardanti l'adesione di associazioni od organizzazioni a carattere sindacale o di categoria ad altre associazioni, organizzazioni o confederazioni a carattere sindacale o di categoria.

b-bis) dei dati contenuti nei curricula, in caso di ricezione di curricula spontaneamente trasmessi dagli interessati ai fini dell'eventuale instaurazione di un rapporto di lavoro.

I dati sensibili possono essere invece oggetto di trattamento anche senza consenso, con previa autorizzazione del Garante:

  1. a) quando il trattamento è effettuato da associazioni, enti od organismi senza scopo di lucro, anche non riconosciuti, a carattere politico, filosofico, religioso o sindacale, ivi compresi partiti e movimenti politici, per il perseguimento di scopi determinati e legittimi individuati dall'atto costitutivo, dallo statuto o dal contratto collettivo, relativamente ai dati personali degli aderenti o dei soggetti che in relazione a tali finalità hanno contatti regolari con l'associazione, ente od organismo, sempre che i dati non siano comunicati all'esterno o diffusi e l'ente, associazione od organismo determini idonee garanzie relativamente ai trattamenti effettuati, prevedendo espressamente le modalità di utilizzo dei dati con determinazione resa nota agli interessati all'atto della presente informativa di Privacy Policy ex art. 13 d.lgs. n. 196/2003;
  2. b) quando il trattamento è necessario per la salvaguardia della vita o dell'incolumità fisica di un terzo. Se la medesima finalità riguarda l'interessato e quest'ultimo non può prestare il proprio consenso per impossibilità fisica, per incapacità di agire o per incapacità di intendere o di volere, il consenso è manifestato da chi esercita legalmente la potestà, ovvero da un prossimo congiunto, da un familiare, da un convivente o, in loro assenza, dal responsabile della struttura presso cui dimora l'interessato. Si applica la disposizione di cui all'articolo 82, co. 2 d.lgs. n. 196/2003;
  3. c) quando il trattamento è necessario ai fini dello svolgimento delle investigazioni difensive di cui alla legge 7 dicembre 2000, n. 397, o, comunque, per far valere o difendere in sede giudiziaria un diritto, sempre che i dati siano trattati esclusivamente per tali finalità e per il periodo strettamente necessario al loro perseguimento. Se i dati sono idonei a rivelare lo stato di salute e la vita sessuale, il diritto deve essere di rango pari a quello dell'interessato, ovvero consistente in un diritto della personalità o in un altro diritto o libertà fondamentale e inviolabile;
  4. d) quando è necessario per adempiere a specifici obblighi o compiti previsti dalla legge, da un regolamento o dalla normativa comunitaria per la gestione del rapporto di lavoro, anche in materia di igiene e sicurezza del lavoro e della popolazione e di previdenza e assistenza, nei limiti previsti dall'autorizzazione e ferme restando le disposizioni del codice di deontologia e di buona condotta di cui all'articolo 111.

I dati idonei a rivelare lo stato di salute non possono essere diffusi.

  1. INTERAZIONI COI SOCIAL NETWORKS, APPLICAZIONI E/O CANALI WEB TV, ETC.

Il Sito/Dominio/Applicazioni/Canali web della Brevetti Stendalto potrà contenere applicazioni e materiali (“APIs” o “API”) che utilizzano dati tratti dagli account dell’Utente aperti su social network come Facebook. Potrà, per esempio, essere creata un’API che permette di postare commenti direttamente sul social network cui è iscritto l’Utente. Quando si utilizza un’API di questo tipo vengono trasmessi dati personali al sito del social network. Tali dati sono disciplinati dall’informativa sulla privacy di tale social network/canali web tv, etc.

Potrà altresì essere creata un’API che consente di ottenere informazioni e contenuti inerenti all’Utente e i suoi contatti, il suo ID utente e altri tipi di contenuti tratti dal social network utilizzato. Tali informazioni e contenuti non verranno acquisiti, salvo che l’Utente abbia espresso il proprio consenso sul sito del social network. Qualora venga prestato tale consenso, le predette informazioni verranno utilizzate secondo la presente Informativa sulla Privacy e le regole in materia di APIs di tale social network.

Il tutto, senza che alla Brevetti Stendalto possano derivare responsabilità ulteriori rispetto a quelle discendenti dall'applicazione del Codice Privacy con riguardo ai dati direttamente trattati e detenuti, quali ad esempio responsabilità per i contenuti di siti web, web tv, o applicazioni di terzi su cui siano presenti link o rimandi al sito ed ai contenuti di Brevetti Stendalto, ovvero su cui compaiano o vengano pubblicati da terzi contenuti o materiali contra legem, lesivi della privacy, lesivi dei diritti di minoranze etniche, dei minori, su cui siano contenute informazioni lesive di opinioni politiche, sensibili, razziali, religiose, filosofiche, etc...

  1. COOKIES

L’accesso al Sito/Dominio/Applicazioni/Canali web della Brevetti Stendalto può comportare l’invio, da parte dei server al PC terminale dell’Utente, di file di testo per ottenere informazioni sulla sua navigazione all’interno del sito (cookies o altri sistemi di tracciatura/monitoraggio permanente).

I cookies utilizzati all’interno del Sito/Dominio/Applicazioni/Canali web assolvono a mere finalità di natura tecnica e, in nessun caso, saranno utilizzati con la finalità di esaminare e studiare i comportamenti dell’utente all’interno del Sito/Dominio/Applicazioni/Canali web.

E’ sempre possibile disattivare agevolmente l’operatività dei cookies da parte dell’Utente, operando attraverso le opzioni di configurazione del browser utilizzato.

  1. TRASFERIMENTO ALL’INTERNO DELL’U.E. (ART. 42 D.LGS. 196/2003)

L'interessato e la Brevetti Stendalto prendono atto che le disposizioni del codice di cui al D.Lgs. 196/2003 non possono essere applicate in modo tale da restringere o vietare la libera circolazione dei dati personali fra gli Stati membri dell'Unione europea, fatta salva l'adozione, in conformità allo stesso codice, di eventuali provvedimenti in caso di trasferimenti di dati effettuati al fine di eludere le medesime disposizioni.

  1. TRASFERIMENTI IN PAESI TERZI CONSENTITI (ART. 43 D.LGS. 196/2003)

In accordo col disposto dell’art. 43 d.lgs. n. 196/2003, il trasferimento anche temporaneo fuori del territorio dello Stato, con qualsiasi forma o mezzo, di dati personali oggetto di trattamento, se diretto verso un Paese non appartenente all'Unione europea è consentito quando:

  1. a) l'interessato ha manifestato il proprio consenso espresso o, se si tratta di dati sensibili, in forma scritta;
  2. b) è necessario per l'esecuzione di obblighi derivanti da un contratto del quale è parte l'interessato o per adempiere, prima della conclusione del contratto, a specifiche richieste dell'interessato, ovvero per la conclusione o per l'esecuzione di un contratto stipulato a favore dell'interessato;
  3. c) è necessario per la salvaguardia di un interesse pubblico rilevante individuato con legge o con regolamento o, se il trasferimento riguarda dati sensibili o giudiziari;
  4. d) è necessario per la salvaguardia della vita o dell'incolumità fisica di un terzo. Se la medesima finalità riguarda l'interessato e quest'ultimo non può prestare il proprio consenso per impossibilità fisica, per incapacità di agire o per incapacità di intendere o di volere, il consenso è manifestato da chi esercita legalmente la potestà, ovvero da un prossimo congiunto, da un familiare, da un convivente o, in loro assenza, dal responsabile della struttura presso cui dimora l'interessato. Si applica la disposizione di cui all'articolo 82, comma 2;
  5. e) è necessario ai fini dello svolgimento delle investigazioni difensive di cui alla legge 7 dicembre 2000, n. 397 o, comunque, per far valere o difendere un diritto in sede giudiziaria, sempre che i dati siano trasferiti esclusivamente per tali finalità e per il periodo strettamente necessario al loro perseguimento, nel rispetto della vigente normativa in materia di segreto aziendale e industriale;
  6. f) è effettuato in accoglimento di una richiesta di accesso ai documenti amministrativi, ovvero di una richiesta di informazioni estraibili da un pubblico registro, elenco, atto o documento conoscibile da chiunque, con l'osservanza delle norme che regolano la materia;
  7. g) è necessario, in conformità ai rispettivi codici di deontologia di cui all'allegato A), per esclusivi scopi scientifici o statistici, ovvero per esclusivi scopi storici presso archivi privati dichiarati di notevole interesse storico ai sensi dell'articolo 6, comma 2, del decreto legislativo 29 ottobre 1999, n. 490, di approvazione del testo unico in materia di beni culturali e ambientali o, secondo quanto previsto dai medesimi codici, presso altri archivi privati.
  1. ALTRI TRASFERIMENTI CONSENTITI (ART. 44 D.LGS. 196/2003)

Il trasferimento di dati personali oggetto di trattamento, diretto verso un Paese non appartenente all'Unione europea, è altresì consentito quando è autorizzato dal Garante sulla base di adeguate garanzie per i diritti dell'interessato:

  1. a) individuate dal Garante anche in relazione a garanzie prestate con un contratto o mediante regole di condotta esistenti nell'ambito di società appartenenti a un medesimo gruppo. L'interessato può far valere i propri diritti nel territorio dello Stato, in base al presente codice, anche in ordine all'inosservanza delle garanzie medesime;
  2. b) individuate con le decisioni previste dagli articoli 25, paragrafo 6, e 26, paragrafo 4, della direttiva 95/46/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 24 ottobre 1995, con le quali la Commissione europea constata che un Paese non appartenente all'Unione europea garantisce un livello di protezione adeguato o che alcune clausole contrattuali offrono garanzie sufficienti.
  1. LEGGE APPLICABILE E GIURISDIZIONE

L'Utente/Interessato si dichiara edotto che l'interpretazione, applicazione ed  esecuzione della presente scrittura è regolamentata dalla legge e dal diritto italiano, -anche qualora la medesima venisse tradotta e pubblicata sul Sito/Dominio/Applicazioni/Canali web della Brevetti Stendalto in altre lingue- così come si dichiara edotta che il Foro competente per ogni denegata controversia che dovesse insorgere è in via esclusiva quello di Milano, con esclusione di tutti gli altri.

La presente Privacy Policy è soggetta ad aggiornamento da parte di Brevetti Stendalto.

Mediante l'apertura del file/pagina web/applicazione ove pubblicata la presente informativa, l'Utente/interessato accetta integralmente la medesima e se ne dichiara reso edotto, ad ogni effetto di legge.

La versione pubblicata sul sito/dominio è quella attualmente in vigore.

Ferma la portata degli artt. 32 e ss., 121 e ss. del d.lgs. 196/03, qualora applicabili.

Brevetti Stendalto comunicherà eventuali modifiche alla Privacy Policy mediante pubblicazione di un annuncio sul Sito/Dominio/Applicazioni/Canali web della Brevetti Stendalto. Si invita l’utente a verificare periodicamente la Privacy Policy per essere informato di eventuali modifiche.

Milano, luglio 2017

BREVETTI STENDALTO S.P.A.

Utilizziamo cookie tecnici e di terze parti al fine di migliorare i nostri servizi. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Per ulteriori informazioni o per scoprire come modificare la configurazione e bloccare i Cookie, consulta la nostra informativa.